Trattenere la luce


#diariodibordo 11
Carrapateira, Algarve - Portogallo, Gennaio 2019

Che atmosfera tra queste casette, contese tra anziani pescatori, che sembrano usciti da un film del dopoguerra, e moderni surfisti dagli abiti psichedelici, tra vecchietti dagli abiti scuri e sgualciti, abbandonati sulle sedie del bar, e giovani, biondissimi viaggiatori sdraiati con stile impeccabile di fianco a zaini pieni di strada e di polvere; gli uni con rughe profonde, cortecce protettive di mondi insondadibi, gli altri dalle guance lisce e tonde, con ancora i sogni stampati negli occhi.


Tutti, silenziosamente, si spartiscono questo luogo, dove qualcosa, forse la luce, crea un ponte tra uomini, allontana i propri demoni.

Credo che chi ha costruito questi villaggi lo abbia fatto con l'intento di trattenere il più  a lungo possibile proprio la luce. Quella azzurrognola, che accarezza e riflette l'oceano e quella giallo-arancio che scende grattando le scogliere, la terra, la sabbia.

Trattenere la luce e poi rilasciarla lentamente, per far durare di più il giorno, perché la profonda notte oceanica disorienta e mette paura.



2 commenti:

  1. Una goccia di tranquillità nel mare della frenesia.
    Un luogo davvero incantevole e che non conoscevo! Grazie per la condivisione e complimenti per le foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Diana per il tuo commento! Ti consiglio di visitare questi luoghi, meglio se in un periodo lontano dal boom estivo ...

      Elimina

 

Translate my blog!

Seguimi via mail