La panchina

Torino, Italia

La panchina non è solo un oggetto, è anche un luogo.

La panchina è un luogo democratico. Chiunque può utilizzarla: ricchi, poveri, manager, senzattetto, vecchi, giovani, persone comuni, star... ognuno poggia il suo sedere, magro, grasso, sodo o indolenzito, sulla medesima panchina.

Belgrado, Serbia
Budapest, Ungheria


La panchina è un luogo multifunzionale: la si può usare per leggere, pensare, vendere, acquistare, dormire, fare l'amore, pregare, drogarsi, mangiare, osservare. Tutto questo ben di Dio sulla solita,
indiscreta, amichevole panchina.

Fez, Marocco
Vernasca (PC), Italia

La panchina è multiculturale: sotto un baobab africano, di fronte ad un tempio induista, in una grande metropoli o in un paese di montagna... sempre troverai una panchina pronta ad accoglierti e un frequentatore di panchine, stile Forrest Gump, pronto a chiacchierare con te.

Belgrado, Serbia
Sarajevo, Bosnia ed Herzegovina

La panchina è politicamente corretta: la sedia di legno impagliata fa molto "di sinistra", la poltrona in pelle fa molto "di destra", la panchina, in qualunque materiale, è solo e semplicemente una moderata, equidistante, elegante panchina.

Trieste, Italia
Kotor, Montenegro

La panchina è semplice. Bastano poche assi di legno, piccoli pezzi di ferro battuto, vecchie pietre o semplici cassette per la frutta: eccola già pronta per essere utilizzata, per essere goduta.

Parco Nazionale del Durmitor, Montenegro
Fez, Marocco

La panchina è controcorrente. In un mondo caotico, dove imperversa la velocità, ti suggerisce, senza essere invadente, di fermarti un attimo, di fare una pausa, di prendere respiro prima di continuare.

Belgrado, Serbia
Zagabria, Croazia

Immaginate di fissare continuamente, per mesi, una singola panchina, in una qualsiasi affollatissima città come in un piccolo borgo sperduto: quanta vita, quante storie, esperienze, drammi, amori, tragedie, poesia, risate potreste raccogliere?


Lubiana, Slovenia
Budapest, Ungheria
Ecco perchè, spesso, fotografo persone sedute sulle panchine delle città che mi capita di visitare. 
Mi sembra di rivedere, nella loro diversità posta di fronte a questo unico luogo-oggetto, l'intera bellezza, complessità, scherzosità, piacevolezza dell'essere umano...

Che dire... ascoltate, osservate e sopratutto utilizzate le panchine del mondo: vi regaleranno, che lo vogliate o meno, piacevoli sorprese.

Trieste, Italia

3 commenti:

  1. Do I need to say which one I love the most?:)
    I love the main theme, it's interesting how many different emotions or people interactions sitting on a bench can invoke, each one some small story to tell.

    RispondiElimina
  2. belle foto... di certo chi parla oggi di panchine lo deve alla circolazione dell'argomento dopo l'uscita del libro di Beppe Sebaste, "Panchine. Come uscire dal mondo senza uscirne", Laterza contromano...
    Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia e grazie mille x i complimenti... In realtà ho scoperto l'esistenza di questo libro solo dopo l'uscita del post... Lo comprerò sicuramente il prima possibile, non vedo l'ora di leggerlo!

      Elimina

 

Translate my blog!

Seguimi via mail